La risposta emotiva nell’infortunio: quali sono i principali fattori psicologici che influenzano l’esperienza dell’infortunio?

Wiese-Bjornstal (1998) ha proposto un modello (Fig. 1) per la comprensione del processo di risposta emotiva e psicologica all’infortunio. Secondo tale modello, la risposta psicologica all’infortunio e al processo riabilitativo dipende dalla valutazione cognitiva a cui vengono sottoposti due ordini di fattori: personali e situazionali.

La risposta emotiva nell’infortunio i fattori personali

I primi si dividono a loro volta in quattro categorie e riguardano:

  1. Infortunio: storia, severità, cause percepite e stato della guarigione.
  2. Differenze individuali: psicologiche, di personalità, percezione di sé stessi, motivazione, tolleranza al dolore, livello di atletismo, capacità di coping (ossia di fronteggiare la situazione), storia dei fattori di stress e umore.
  3. Caratteristiche demografiche: genere, età, etnia, stato socio-economico ed esperienze sportive precedenti.
  4. Caratteristiche fisiche: utilizzo di aiuto ergogenico (ossia fattori esterni che permettono di migliorare la prestazione o il recupero, possono essere meccanici, farmacologici, fisiologici, nutrizionali o psicologici) e disturbi dell’alimentazione e della nutrizione.

I fattori situazionali

Mentre, quelli situazionali si dividono in:

  1. Sport: quale, livello di partecipazione, periodo della stagione e pratica vs competizione.
  2. Sociali: influenza dei compagni di squadra, influenza dell’allenatore, dinamiche familiari, influenze del team medico, supporto sociale e tipo di etica/filosofia sportiva.
  3. Ambiente: tipo di riabilitazione e possibilità di accesso alla riabilitazione.

Valutazione cognitiva

La valutazione cognitiva, da cui poi dipenderanno le risposte emotive e comportamentali, consiste in: regolazione dell’obiettivo, valutazione delle possibilità di recupero, credenze e attribuzioni (rispetto all’infortunio e al recupero), percezione di sé stessi, senso di perdita e dolore, e capacità cognitive di coping.

Secondo questo modello la valutazione del danno causato dall’infortunio riveste un ruolo cruciale nell’influenzare la risposta emotiva e comportamentale durante il processo riabilitativo.

Risposta fisiologica agli infortuni sportivi

Figura 1. Modello integrato di descrizione della risposta psicologica agli infortuni sportivi e al processo di riabilitazione (Wiese-Bjornstal, 1998).

Altri fattori che influenzano la risposta emotiva nell’infortunio e nel processo riabilitativo.

Altri fattori che influenzano il processo riabilitativo e l’infortunio sono i tempi di recupero e il modo in cui si affrontano queste esperienze: se considerati come un ostacolo da superare e un’esperienza da cui trarre degli insegnamenti che possono migliorare la conoscenza che si ha di sé stessi, sia come persona che come atleta, l’esito della riabilitazione sarà migliore e i tempi di recupero più brevi.

L’accettazione precoce dell’infortunio e un atteggiamento proattivo, uniti a una buona conoscenza delle conseguenze legate al trauma e di che cosa comporterà il percorso riabilitativo possono contribuire a dissipare i pensieri e le risposte emotive negative.

Dalla letteratura emerge che le principali paure legate a un infortunio riguardano la perdita d’indipendenza, della propria posizione all’interno della squadra, della forma fisica, di dover chiedere aiuto e della propria identità di sportivo.

Al tema dell’identità sono strettamente legati quelli di fragilità e vulnerabilità che risultano esserne una componente importante nella sua strutturazione. L’emergere di questi sentimenti va a intaccare quelle componenti, quali stima di sé, sicurezza, autoefficacia, consapevolezza delle proprie capacità, che giocano un ruolo importante nei livelli di impegno e prestazione dell’atleta.

risposta emotiva nell’infortunio e percezione di controllo

Un altro aspetto importante legato al processo di recupero è determinato dalla percezione di controllo e responsabilità personali rispetto alle possibilità di recupero. In altre parole, un outcome positivo può dipendere in buona parte da quanto l’atleta sente ed è convinto che il buon esito della riabilitazione dipenda da lui.

McDonald e Hardy (1990) suggeriscono che la riabilitazione sia un processo attivo che impegna gli atleti in una serie di compiti sottolineando così l’importanza di mantenere a un buon livello la motivazione e il focus dell’attenzione sul processo di guarigione.

Altri fattori positivi riguardano il supporto sociale, quello dello staff medico, l’affrontare l’infortunio come un’opportunità per conoscere meglio sé stessi.

Uno degli aspetti emotivamente più difficili nell’affrontare l’infortunio e la riabilitazione concerne l’aderenza alle pratiche riabilitative. Spesso rimanere ingaggiati nel percorso riabilitativo può essere difficile per una serie di motivi e questo può portare a perdita di motivazione, o a non curarne tutti gli aspetti, oppure, una volta che ci si sente meglio, ad abbandonarlo prima che sia terminato con conseguente aumento del rischio di ricadute.

In sintesi, l’influenza principale del modo di pensare e comportarsi dell’atleta rispetto alla risposta emotiva è determinata dai livelli di concentrazione e di impegno profusi nella riabilitazione, dal tipo di atteggiamento nei confronti della possibilità di ottenere un pieno recupero (ottimismo vs pessimismo). La risposta emotiva dipende dalla capacità di mantenimento della propria stabilità personale, dalla valutazione della situazione, dalla ricerca di supporto sociale, dalla proattività e positività con cui si affrontano infortunio e processo riabilitativo e dal considerare quest’ultimi come delle sfide da affrontare che permetteranno di conoscere meglio sé stessi.

In psicologia dello sport l’infortunio viene considerato un evento critico che può essere determinante per la carriera e il benessere di un atleta. In quest’ottica, diventa importante la sua gestione e quella del periodo di inattività. Secondo Hell e Schulte (2014) l’infortunio si definisce come la risultante di un avvenimento causato da diversi fattori, di tipo bio-psico-sociale, che necessita di un approccio olistico e multidisciplinare (o ancora meglio interdisciplinare) comprensivo sia delle funzioni fisiche sia dei fattori emotivi e cognitivi (in C. Conti, S. di Fronso e M. Bertollo, 2015).

Il recupero da un infortunio

Di conseguenza, il recupero da un infortunio è determinato sia dagli aspetti fisici che da quelli psicologici e una sua gestione ottimale implica un’integrazione interprofessionale tra diversi professionisti.

Secondo Pollog (2014) sono quattro le aree personali che vengono coinvolte in un infortunio:

  1. Benessere fisico: dolore, restrizioni temporanee dei movimenti, possibilità di cambiamenti permanenti;
  2. Benessere emotivo: emozioni negative e positive, gestione dell’ansia;
  3. Benessere sociale: perdita del ruolo (importante per l’identità), allontanamento dall’ambiente sportivo, nuove relazioni;
  4. Del Sé: alterazione della propria immagine, minaccia ai propri obiettivi, scoperta della propria vulnerabilità e fragilità, consapevolezza dei limiti fisici, diminuzione della stima di sé e dell’autoefficacia.

Infortunio e caratteristiche personali

Generalmente, l’esperienza vissuta dalla persona è quella di una perdita che è influenzata dalle caratteristiche personali:

Oltre a queste caratteristiche, l’esito della fase riabilitativa ed il successivo ritorno all’attività e alla competizione saranno condizionati da come l’atleta risponderà all’infortunio. Mi preme qui sottolineare che l’intervento dello psicologo dello sport non riguarda solamente la fase post-infortunio, ma include anche gli aspetti legati alla prevenzione e riduzione del rischio.

L’intervento

L’intervento si articola lungo tre fasi in successione temporale: fase acuta post-infortunio, di riabilitazione e di ritorno all’attività. Per ognuna dii esse si possono individuare varie dimensioni psicologiche e specifiche tecniche d’intervento.

Fase acuta post-infortunio

In questa fase le risposte emotive possono essere di rabbia, tristezza, umore depresso, frustrazione, senso di colpa, senso di solitudine, apatia, preoccupazione generale e ansia, paura, comportamento scontroso e sbalzi d’umore, dubbi, sfiducia, percezione d’incapacità e smarrimento connessi al dover affrontare una nuova situazione. Potrebbe anche configurarsi come un evento positivo perché potrebbe determinarsi come un momento di pausa da un periodo di forte stress o come una scusa per abbandonare l’attività (C. Conti, S. di Fronso e M. Bertollo, 2015).

Sul versante cognitivo si possono avere fenomeni di castrofizzazione, over-generalizzazione, colpevolizzazione verso sé stessi o altri, personalizzazione, negazione e non accettazione della propria vulnerabilità e fragilità (Brewer, 2009; Tracey, 2010).

Fase di riabilitazione

Gli esiti della riabilitazione dipendono dall’interazione, dinamica e modificabile, di fattori biologici, psicologici e sociali (modello bio-psico-sociale, Brewer, Andersen e Van Raalte, 2002; C. Conti, S. di Fronso e M. Bertollo, 2015). Possono essere connessi a un esito positivo o negativo. I primi riguardano l’aderenza al programma riabilitativo, la motivazione intrinseca, la tolleranza al dolore, la forza mentale (mental toughtness), la percezione di gravità dell’infortunio, il senso di autoefficacia e la percezione di supporto sociale. Mentre, i secondi ineriscono i disturbi dell’umore e la paura di infortunarsi nuovamente.

Fase di ritorno all’attività sportiva

Il ritorno all’attività sportiva è determinato da variabili fisiche, demografiche e psicologiche. Le principali, fisiche e demografiche, sono le caratteristiche della lesione, il tipo, le cause, la gravità dell’infortunio, l’età, il sesso, l’origine etnica e lo status socio-economico. Quelle psicologiche riguardano la motivazione, la stima di sé stessi, il fatto di considerare l’infortunio come una sfida da superare, la paura di una ricaduta e di non riuscire a raggiungere i livelli prestazionali pre-infortunio (C. Conti, S. di Fronso e M. Bertollo, 2015). Potrebbe capitare che recupero fisico e psichico non procedano di pari passo, questo spiegherebbe quelle situazioni in cui nonostante il totale recupero fisico l’atleta non si sente pronto al rientro.

Intervento psicologico in fase di infortunio

Riassumendo, affinché l’intervento psicologico in fase di infortunio sia efficace e favorisca il miglior outcome possibile deve essere strutturato sulle caratteristiche personali dell’atleta (Hedgpeth e Sowa, 1998) e deve prendere in considerazione diversi aspetti coinvolti dall’infortunio: personali, cognitivi, emotivi, identitari, sociali, esistenziali ed esperienziali. L’obiettivo dell’intervento psicologico in fase riabilitativa è quello di agire sull’umore, fornire capacità di coping proattivo, migliorare l’efficacia percepita, eliminare i pensieri negativi e svilupparne di positivi (Driediger, Hall e Callow, 2006; in C. Conti, S. di Fronso e M. Bertollo, 2015). Inoltre, favorisce il mantenimento della motivazione, dell’impegno e l’aderenza ai protocolli di trattamento (Weinberg e Gould, 2010; in C. Conti, S. di Fronso e M. Bertollo, 2015).

Il goal setting (definizione degli obiettivi) è una tecnica utilizzata in psicologia dello sport che permette di migliorare le prestazioni in ambito sportivo, il benessere psicofisico dell’atleta e di soddisfare i bisogni psicologici di base. Un obiettivo è generalmente definito come lo stato finale che un individuo si impegna a raggiungere o evitare (Moskovitz, 2012). In ambito sportivo, riguarda lo scopo che un atleta cerca di realizzare in un determinato periodo di tempo (Weinberg, 2013).

Goal setting: obiettivi a breve, medio e lungo termine

Gli obiettivi, temporalmente, possono essere definiti a breve, medio e lungo termine e possono riguardare:

Gli obiettivi di prestazione e processo risultano essere maggiormente controllabili rispetto a quelli di risultato e questo ha importanti conseguenze sul loro raggiungimento, sulla fiducia in sé stessi e sulle proprie capacità, sulla soddisfazione personale e sulla motivazione.

Obiettivi SMARTS e Goal setting

Secondo Weinberg e Gould (2019) per essere efficace gli obiettivi dovrebbero essere SMARTS (acronimo inglese), ossia:

S → specifici

M → misurabili

A → orientati all’azione

R → realistici

T → temporalmente determinati

S → definiti o accettati dall’atleta

Psicologia e obiettivi

Quali influenze ha la definizione degli obiettivi sugli aspetti emotivi, cognitivi e comportamentali dell’individuo?

Secondo Locke e Latham (1981) sono quattro i meccanismi attraverso i quali gli obiettivi possono aiutare a migliorare la prestazione:

  1. Permettono di dirigere l’attenzione e le energie verso le attività rilevanti per il loro raggiungimento a discapito di quelle irrilevanti
  2. Consentono la messa in atto di un impegno maggiore per l’ottenimento di obiettivi più impegnativi
  3. Influenzano la persistenza nel compito
  4. impattano sull’acquisizione e l’utilizzo di strategie e conoscenze rilevanti per l’esecuzione del compito e sulle abilità di problem solving

Fattori personali e prestazioni

Quali sono i fattori personali che influenzano la prestazione e la definizione degli obiettivi?

Sono diversi i fattori che influenzano la definizione degli obiettivi: differenze individuali, contestuali, ambientali e le caratteristiche degli obiettivi perseguiti: ad esempio l’importanza data al raggiungimento del compito, la sua difficoltà (se è percepita eccessiva o troppo facile), la percezione della possibilità e capacità di riuscire a raggiungere l’obiettivo, il feedback da parte di allenatore, amici o familiari, ecc. Tutti questi fattori hanno importanti influenze sulla prestazione, sull’impegno e la costanza profusi, sul senso di autoefficacia, sulla probabilità di raggiungimento dei/l propri/o obiettivi/o, sul benessere psicofisico e sulla motivazione.

Goal setting e il ruolo dell’allenatore

Un ruolo fondamentale sulle motivazioni alla base del perseguimento degli obiettivi degli atleti è svolto dall’allenatore. Infatti, la ricerca ha dimostrato che quando quest’ultimi utilizzano un approccio orientato a supportare l’autonomia dell’atleta (ad es. attraverso la libertà di scelta, il riconoscimento della prospettiva dell’atleta, ecc.) e mitigano l’uso di comportamenti controllanti (ad es. minacce e/o punizioni) quest’ultimo sarà più propenso a impegnarsi e persistere nel lavoro per raggiungere il proprio obiettivo perché sente proprie e autonome le ragioni per cui lo fa (L. Healy, A. Tincknell-Smith and N. Noumanis, 2018).

In conclusione, il raggiungimento di un obiettivo non riguarda solamente vincere una gara o un trofeo, ma lo sviluppo degli elementi tecnici, tattici, fisici e mentali raggiungibili attraverso l’allenamento al fine di creare le migliori condizioni possibili per ottenere i risultati desiderati (Gramaccioni, 2020).

Fattori psicologici e rischio di infortunio: tra i fattori psicologici che non sono collegati al rischio d’infortunio troviamo quelli di personalità (ad es. introversione/estroversione, perfezionismo, ecc.) e altri come il supporto sociale, la motivazione, ecc. Il fattore psicologico per cui è stata dimostrata una maggiore relazione con il rischio d’infortunio è lo stress.

Ci si ritrova in una condizione di stress ogni qualvolta le richieste della situazione che stiamo affrontando eccedono le nostre risorse. Secondo questa prospettiva, gli atleti che subiscono eventi di vita particolarmente stressanti a fronte di scarse abilità di coping (modo in cui le persone rispondono e fronteggiano situazioni avverse e sfidanti) rischiano maggiormente di subire un infortunio a causa del conseguente calo dell’attenzione e aumento della distraibilità che interferiscono con la prestazione dell’atleta.

Inoltre, lo stress aumenta la tensione muscolare e le difficoltà di coordinazione che accrescono a loro volta il rischio di infortunio. L’utilizzo di tecniche di gestione dello stress e di rilassamento muscolare aiutano a diminuire il tasso d’incidenza degli infortuni.

Reazioni psicologiche all’infortunio

Non esiste una sequenza standard di risposta agli infortuni da parte degli atleti. La reazione psicologica dipenderà molto da fattori individuali, ad esempio il significato che acquisisce l’infortunio per l’atleta, o l’importanza a livello identitario che ha praticare sport per l’individuo, ecc.

Generalmente, le risposte emotive a un infortunio comprendono: tristezza (nei casi più gravi depressione), sentimenti di isolamento, irritazione, mancanza di motivazione, frustrazione, rabbia, alterazioni del ritmo sonno-veglia e dell’alimentazione, e sentimenti di disimpegno.

Aspetti psicologici della riabilitazione

Gli antecedenti psicologici e le reazioni emozionali giocano un ruolo chiave nel processo riabilitativo, sia in senso positivo che negativo. Dunque, risulta necessario includere questi aspetti nel trattamento dell’atleta infortunato.

Diversi studi hanno evidenziato come l’uso di strategie psicologiche quali il goal-setting, il self-talking, la ristrutturazione cognitiva e la visualizzazione siano associate a un recupero più rapido. Inoltre, queste strategie possono essere utili perché diminuiscono lo stress, aumentano i meccanismi di coping e il supporto sociale.

D’altro canto, la riabilitazione può essere inficiata da reazioni psicologiche ed emotive negative come la possibile frattura identitaria conseguente all’infortunio, paura, ansia e perdita di fiducia in sé stessi.

Fattori psicologici e rischio di infortunio

Vi sono degli indicatori emotivi, cognitivi e comportamentali che possono fungere da cartina da tornasole per comprendere la bontà della risposta dell’individuo all’infortunio (possono variare d’intensità e qualità durante il percorso riabilitativo):

Trattamento degli atleti infortunati

Infine, nel trattamento degli atleti infortunati è utile tenere in considerazione una serie di aspetti:

In conclusione, i fattori psicologici hanno un ruolo importante nell’insorgere degli infortuni, nel processo riabilitativo e nell’outcome di quest’ultimo. Di conseguenza, vanno tenuti in forte considerazione nel percorso di cura.

Dal 25 luglio, fino al 24 ottobre, è possibile fare richiesta del bonus psicologo. La richiesta deve avvenire tramite il portale dell’INPS (https://www.inps.it/) compilando l’apposito modulo

Per poter accedere al servizio è necessaria l’autenticazione digitale con SPID (Identità digitale), CIE (Carta d’identità elettronica), PIN o CNS (Carta Nazionale dei Servizi): per sapere chi può richiederlo e le norme attuative visita il link https://www.psicologovigevano.com/bonus-psicologo-le-norme-attuative/

Una volta concluso il periodo di presentazione delle domande l’Inps redigerà le graduatorie, comunicherà un codice univoco (da comunicare successivamente al professionista scelto)che attesterà l’accoglimento della domanda e specificherà l’importo totale, che va da un minimo di 200 a un massimo di 600 euro (l’importo massimo utilizzabile per una singola seduta è di 50 euro), di cui si potrà beneficiare. Il bonus dovrà essere utilizzato entro 180 giorni dalla data di accoglimento della domanda. 

Gli elenchi dei professionisti che avranno aderito al bonus saranno visibili, solo ai cittadini beneficiari, direttamente sul portale dell’INPS.

Importante, dato che il fondo è limitato (20 milioni di euro), le graduatorie sono a scorrimento fino ad esaurimento fondi. Dunque, non tutti potranno beneficiarne, si stima che avranno accesso all’iniziativa circa 16 mila cittadini. Inoltre, in caso di non utilizzo del bonus entro 180 giorni dalla data di accoglimento della domanda il codice univoco verrà automaticamente annullato e l’importo non utilizzato verrà riassegnato a nuovi beneficiari nel rispetto delle graduatorie.

Nella Conferenza Stato Regioni del 28 aprile è stato approvato il decreto del Ministero della Salute di concerto con il Ministero dell’Economia che stabilisce le modalità di presentazione della domanda, l’entità e i requisiti per l’assegnazione del bonus psicologo.

Principali punti del Bonus Psicologo

Vediamo i principali punti che riguardano le persone interessate.

Potranno beneficiarne, una sola volta, le persone in condizione di depressione, ansia, stress e fragilità psicologica, a causa dell’emergenza pandemica e della conseguente crisi socio-economica, che siano in condizione di beneficiare di un percorso terapeutico (Art. 1) e con reddito ISEE in corso di validità, ordinario o corrente non superiore ai 50.000 euro (Art. 4).

Potrà essere utilizzato, per sostenere le spese relative a sedute di psicoterapia, presso specialisti privati regolarmente iscritti nell’elenco degli psicoterapeuti, nell’ambito dell’albo degli psicologi, che abbiano comunicato l’adesione all’iniziativa all’ordine professionale di appartenenza (art. 3).

Contributi per il Bonus Psicologo

L’entità del contributo è parametrata secondo tre diverse fasce dell’ISEE (Art. 4):

La richiesta dovrà essere presentata in modalità telematica all’INPS (Art. 5) che, una volta redatte le graduatorie e individuati i beneficiari, comunicherà direttamente a loro l’accoglimento della domanda, l’importo del contributo e un codice univoco (Art. 7) che dovrà essere comunicato al professionista che erogherà la prestazione. Dopodiché, si avranno 180 giorni a disposizione per poter utilizzare il bonus (Art. 5).

Nei principali manuali diagnostici utilizzati dai clinici della salute mentale l’Anoressia Nervosa viene classificata come un disturbo dell’alimentazione e della nutrizione o del comportamento alimentare. Questa modalità di categorizzazione ha importanti risvolti per quanto concerne il tipo di trattamento necessario per curarla.  

Anoressia nervosa: livelli di intervento

Secondo le linee guida per il trattamento di persone con Disturbo dell’Alimentazione e della Nutrizione dell’American Psychiatric Association (APA, 2012) sono tre i livelli d’intervento per l’Anoressia (AN): la riabilitazione nutrizionale, l’intervento medico e quello psicosociale.

Lo scopo dei primi due livelli è quello di correggere il peso e il comportamento alimentare. Invece, nel terzo si dovrebbero curare quei sintomi che non sono direttamente correlati all’alimentazione come ad esempio la paura, l’evitamento e la distorta percezione corporea.

Di conseguenza, sempre in accordo con le linee guida dell’APA, l’obiettivo dell’intervento psicosociale per i pazienti con AN dovrebbe aiutarli:

a) a comprendere e collaborare alla propria riabilitazione nutrizionale e fisica;

b) a comprendere e modificare i comportamenti e gli atteggiamenti disfunzionali connessi all’alimentazione;

c) a migliorare il proprio funzionamento interpersonale e sociale;

d) affrontare i disturbi in comorbidità e i conflitti psicologici che mantengono o rafforzano l’AN (Yager et al., 2006).

Terapie per il trattamento dell'anoressia nervosa

Le terapie comunemente più utilizzate, in ambito psicosociale, sono quella cognitivo-comportamentale e quella sistemico-relazionale per bambini e adolescenti: la prima concentra il proprio intervento sugli aspetti cognitivi e comportamentali disfunzionali connessi al cibo, mentre la seconda sulle criticità del sistema familiare.

L’AN è un disturbo complesso, caratterizzato da fattori genetici, fisiologici, contestuali, culturali, familiari, emotivi, relazionali, identitari e individuali, e come tale necessita di un intervento articolato su diversi livelli. Ad esempio, nessuno dei due tipi d’intervento precedentemente citati ha come target d’intervento l’immagine corporea (o schema corporeo) nonostante la letteratura la indichi essere il miglior predittore della fluttuazione dei sintomi nei disturbi alimentari, delle ricadute e del recupero a lungo termine.

Anoressia nervosa e immagine corporea

Essendo quello dell’immagine corporea un costrutto complesso e multidimensionale, composto da aspetti cognitivi, concettuali, emotivi e percettivi (percezione visuo-spaziale, propriocettiva, enterocettiva e vestibolare), focalizzare l’intervento esclusivamente sul lato cognitivo-comportamentale vuol dire prendere in considerazione solamente una frazione di un costrutto così complesso. Ma, soprattutto, significa escludere forse l’aspetto più importante, ossia, l’esperienza soggettiva del proprio corpo, di sé stessi (chi sono io?) e del proprio rapporto con gli altri e con il mondo.

A sostegno della tesi che la percezione corporea abbia un ruolo centrale nell’AN alcuni studiosi sottolineano l’alta frequenza di comorbidità tra AN e il disturbo di dismorfismo corporeo (BDD – Body Dysmorphic Disorder). Quest’ultimo è stato inserito nel DSM-5 (APA, 2014) all’interno dei disturbi ossessivo-compulsivi e viene definito come una preoccupazione per uno o più difetti o imperfezioni percepiti nell’aspetto fisico che non sono osservabili o appaiono agli altri in modo lieve.

Secondo Clausen (2011) il miglior predittore per l’AN è il deficit enterocettivo, ossia della sensibilità alle condizioni fisiologiche e degli stati interni del corpo: un miglioramento delle capacità enterocettive porta a un decremento dei sintomi anoressici (Merwin, 2010).

Deficit della percezione corporea

Un altro aspetto interessante, sollevato da alcuni ricercatori, inerente al deficit della percezione corporea negli individui con AN riguarda il problema dell’integrazione dei segnali enterocettivi e propriocettivi con quelli esterocettivi, come quelli visivi: il deficit in questa integrazione potrebbe spiegare come mai i soggetti con AN vedono un’immagine distorta quando si vedono allo specchio.

Il contenuto di questa prima parte l’ho estrapolato da un articolo di Catherine Stinson il cui titolo ha attirato la mia attenzione di psicoterapeuta di formazione fenomenologica, The Absent Body in Psychiatric Diagnosis, Treatment and Research, dato che non è così scontato trovare materiale sui Disturbi dell’Alimentazione e della Nutrizione che prenda in considerazione il corpo vivo (Leib) o la corporeità, e non soltanto il corpo biologico (Korper), nella sua trattazione. All’inizio l’intenzione dell’autrice, ossia quella di prendere in considerazione la complessità di tali disturbi e di non considerarli esclusivamente per la loro inerenza all’ambito alimentare, mi sembrava interessante, se non che con il proseguire della sua analisi quest’ultima si sia focalizzata solamente sul concetto di immagine corporea da molti considerato essere uno dei pilastri su cui si strutturano questi disturbi.

Comportamento alimentare e soggetto

Lo scopo della ricercatrice è quello di metterci al riparo dall’errore di considerare, nel loro trattamento, tali disturbi come esclusivamente connessi al comportamento alimentare, salvo poi cadere nello stesso errore che avrebbe voluto correggere, ossia escludere dall’analisi l’esperienza soggettiva dell’individuo e del proprio corpo nel rapporto con l’altro e con il mondo.

Quest’ultima considerazione assume la sua importanza alla luce del fatto che per riuscire a rendere conto dell’insorgenza e del mantenimento delle diverse patologie dell’alimentazione, appare necessario ricercare il nucleo patologico nel vissuto stesso dei pazienti, con specifico riferimento alle peculiari modalità corporeo-esperienziali che questi adottano per mantenere un adeguato senso di stabilità personale (Liccione D., 2011-2019, pp. 217).

Ad esempio, per chi soffre di AN, la cui esperienza è caratterizzata dalla costante sensazione di essere affamati, il corpo gioca un ruolo cruciale nel mantenere il senso di stabilità personale, invece per chi soffre di Bulimia Nervosa o di Binge-eating Disorder, la cui esperienza è caratterizzata dal bisogno di essere approvati dagli altri, il corpo da una parte aderisce, idealmente, a un parametro impersonale di adeguatezza estetica per favorire una co-percezione positiva di sé, dall’altra, al posto della persona nella sua interezza, come bersaglio dell’eventuale giudizio negativo da parte degli altri (Ibidem).

Grazie al via libera delle commissioni riunite Affari costituzionali e Bilancio, nella notte fra il 16 e 17 febbraio, è stato inserito all’interno del Ddl milleproroghe il “bonus psicologico”.

Cos'è il bonus psicologico

Si tratta di una sorta di voucher che gli italiani potranno utilizzare per usufruire di sessioni di psicoterapia fruibili presso specialisti privati regolarmente iscritti all’albo degli psicoterapeuti. L’entità del bonus, che potrà arrivare ad un massimo di 600 euro, sarà calcolata, in maniera progressiva, in base alle diverse fasce Isee (Indicatore della Situazione Economica Equivalente) al fine di sostenere le persone con Isee più basso: saranno esclusi da tale misura coloro che hanno un Isee superiore ai 50mila euro.

Modalità per la domanda del bonus psicologico

Rimangono ancora da definire le modalità di presentazione della domanda per accedervi, nonché l’entità e i requisiti reddituali per la sua assegnazione che saranno definiti da un decreto del ministero della Salute in concerto con quello dell’Economia: l’ipotesi è che ciò avvenga tramite impegnativa del medico di base. Una volta approvata la conversione in legge del Decreto Milleproroghe saranno 30 i giorni a disposizione per l’adozione delle norme destinate a dare il via al bonus.

Bonus psicologico e disagio

Nel testo dell’emendamento si legge che questa misura è stata introdotta al fine di intervenire in quelle situazioni di depressione, ansia, stress, disagio psicologico e difficoltà socio-economiche causate dalla pandemia da Sars covid-19.

Probabilmente questa non è la misura migliore per contrastare gli effetti, in termini di disagio psicologico, causati dalla pandemia, ma è un primo passo verso quella direzione che testimonia la crescente sensibilità, anche da parte del governo, verso un tema ancora troppo trascurato come quello delle difficoltà psicologiche ed esistenziali e che permetterà, almeno, un primo intervento al fine di attenuare tali problematicità.

Cambiamento terapeutico: uno degli aspetti cardine di qualsiasi psicoterapia riguarda il tema del cambiamento, ossia il passaggio da una condizione iniziale non desiderata o di malessere ad una ambita. Una possibilità dell’evolversi di questo processo si snoda attraverso diverse fasi che, partendo dall’iniziale presa di coscienza della responsabilità (consapevolezza) per la propria condizione esistenziale, si articolano in un percorso che dovrebbe sfociare nell’azione.

Volontà nel cambiamento terapeutico

Un ruolo centrale all’interno di questo cammino lo riveste la volontà. Yalom (pp. 352, 2019), attraverso le considerazioni di altri autori, prova a definirne caratteristiche e funzioni:

È l’istanza mentale che trasforma la consapevolezza e la conoscenza in azione, è il ponte tra desiderio e atto. È la condizione mentale che precede l’azione (Aristotele). È l’organo del futuro spirituale, proprio come la memoria è l’organo spirituale del passato (Arendt). È il potere dell’iniziare spontaneamente una serie successiva di cose (Kant). È la sede della volizione, il “fattore determinante responsabile” (Faber). È il “fattore decisivo per traslare l’equilibrio in un processo di cambiamento… un atto che si verifica tra l’intuizione interna è l’azione che è sperimentata come sforzo o determinazione” (Wheelis). È l’assunzione della responsabilità, in quanto contrapposta alla presa di coscienza della responsabilità. È quella parte della struttura psichica che ha la “capacità di fare e implementare le scelte” (Arieti). È una forza composta da potere e desiderio, l’”innesco dello sforzo”, la “molla principale dell’azione”.

Trascendenza di sé stessi nel futuro con il cambiamento terapeutico

La volontà implica la trascendenza di sé stessi nel futuro (al di là, oltre) con determinazione e impegno attraverso i propri progetti (desideri): questo è il tempo del cambiamento. Dunque, per cambiare bisogna riuscire a influenzare la propria volontà: alcune patologie (ad esempio il Disturbo Ossessivo-Compulsivo) esercitano un ottundimento della volontà.

Spesso, l’inadeguatezza volitiva è determinata dall’incapacità di provare emozioni e dal senso di colpa. Quante volte ci succede di volere qualcosa ma non riusciamo a mettere in atto le condotte e le azioni necessarie per raggiungerla a causa dei sensi di colpa che ciò provocherebbe?

Da dove inizia questo cambiamento?

Ma da dove ha inizio questo processo? Secondo Rollo May (L’amore e la volontà, 1978), esso scaturisce dal desiderio: si può agire per se stessi solo se si ha accesso ai propri desideri (Yalom, 2019). Come possiamo volere qualcosa e proiettarci nel futuro se non siamo mossi da un desiderio di base?

Prima fase del cambiamento: riconoscere i propri desideri

Di conseguenza, la prima fase del processo di cambiamento dovrebbe riguardare il riconoscimento dei propri desideri. L’incapacità di desiderare può portare, da una parte, ad una sorta di impulsività in cui l’individuo non essendo in grado di discernere tra i vari desideri cerca di realizzarli tutti e, dall’altra, a sperimentare il desiderio come un’imposizione dall’esterno (compulsione), un dovere a cui sottomettersi al fine di evitare il forte disagio che provocherebbe il non metterlo in atto.

Fase decisionale del cambiamento terapeutico

Una volta diventati consapevoli del proprio desiderio si passa alla fase successiva, quella della scelta o decisione: la “decisione” si riferisce a un’ampia gamma di attività che corrispondono a diverse esperienze soggettive, che implicano diversi livelli di sforzo, razionalità, coscienza, impulsività e senso di responsabilità (Yalom, pp. 584, 2019).

Spesso le persone, in questa fase, sperimentano indecisione e immobilità non riuscendo a impegnarsi per raggiungere i propri obiettivi. I motivi che portano a questo blocco possono essere diversi.

Scegliere una o più possibilità significa escluderne altre, ossia rinunciare a qualcosa e fare i conti con i propri limiti; in casi estremi la scelta potrebbe essere irreversibile e non permettere alla persona di poter tornare sui suoi passi o, a causa della narrazione che facciamo della nostra situazione, potremmo esserci convinti di non avere altre possibilità, o di averne solo una (generalmente quella non desiderata), e sentirci in gabbia.

A volte, invece, ad arrestare il processo decisionale è il senso di colpa che scaturirebbe dall’agire una delle opzioni a nostra disposizione.

Forme del processo di cambiamento

La paralisi della scelta e, di conseguenza, del processo di cambiamento può assumere diverse forme (Yalom, 2019): la procrastinazione, la minimizzazione di ciò a cui si deve rinunciare, la distorsione delle informazioni (dissonanza cognitiva), o la delega della decisione a qualcun altro o qualcos’altro (ad esempio il fato o le regole).

Terza fase: assunzione di responsabilità

In fine, l’ultima fase del processo di cambiamento riguarda l’assunzione di responsabilità, impegno e fatica di agire e mettersi in movimento verso ciò che si è scelto, ossia se stessi.

Il concetto di responsabilità

In psicologia e in psicoterapia ci sono temi che vengono trattati solo marginalmente perché non hanno una rilevanza clinica, ciononostante hanno un importante impatto sull’esistenza delle persone: uno di questi riguarda il concetto di responsabilità.

In un’ottica esistenziale e di salute mentale, tale termine implica:

  1. la condizione di libertà rispetto alla possibilità di scegliere quale comportamento avere in una determinata situazione (condotta razionale);
  2. la costanza e congruenza di tale comportamento nel tempo (impegno morale), ad esempio rispetto a una promessa fatta;
  3. l’autorialità dell’esperienza e delle sue conseguenze.

Essere consapevoli della propria responsabilità

In questi termini, risulta subito evidente come tali implicazioni possano avere importanti risvolti per la situazione esistenziale delle persone e per la riuscita di una terapia. Infatti, secondo Yalom (2019), essere consapevoli della responsabilità significa essere consapevoli del creare il proprio sé, il proprio destino, le proprie situazioni difficili nella vita, i propri sentimenti e, se dovesse essere il caso, la propria sofferenza. In altre parole, siamo noi i fautori, i costruttori di noi stessi, del nostro mondo, del nostro benessere e malessere, tutto questo, la nostra esistenza è responsabilità nostra.

Cosa succede se non mi assumo tale responsabilità?

Spesso accade che le persone, anche inconsapevolmente, non riescano o non siano in grado di assumersi una siffatta responsabilità. Esistono quattro modalità di evitamento dell’assunzione di responsabilità (Yalom, 2019): la compulsione, il dislocamento della responsabilità su di un’altra persona, la negazione della responsabilità e l’evitare un comportamento autonomo.

La compulsione

Nel primo caso, la compulsione, l’individuo sperimenta un mondo in assenza di libertà e di scelta, come se fosse governato da una forza esterna che controlla il suo comportamento.

Il dislocamento

Nel dislocamento della responsabilità, condizione molto diffusa in terapia, la persona scarica il peso della responsabilità sull’Altro (ad es. il terapeuta). Questa è la classica situazione in cui colpevolizziamo gli altri dei nostri sentimenti, fallimenti, ecc.

La negazione

La negazione della responsabilità può assumere due forme, quello della vittima innocente, in cui il soggetto, attraverso una più o meno sofisticata manipolazione, crea le condizioni che gli permettono di recitare il ruolo della vittima o del “finto tonto” addossando così la colpa di ciò che gli succede agli altri, e quella della perdita, temporanea e deliberata, del controllo di sé e delle proprie azioni che permette di evitare l’assunzione della propria responsabilità e anche di ricevere un sostegno emotivo e/o affettivo (ad es. all’interno di una relazione intima).

L'evitamento

L’evitamento di un comportamento autonomo riguarda quelle situazioni in cui sappiamo cosa potremmo fare per stare meglio ma non agiamo in tal senso e aspettiamo che siano gli altri a rivolger-si verso di noi per aiutarci e tirarci fuori da una situazione di difficoltà: questa è la classica condizione in cui si possono sperimentare sentimenti di isolamento e dipendenza. Quest’ultima modalità, nella sua forma patologica, è tipica di chi ha una personalità dipendente.

Secondo Sartre, la nostra vita è costituita dalle scelte che facciamo, ma scegliere ci pone di fronte all’assunzione di responsabilità e al fondamento del nostro essere, ossia al fatto che si è soli nell’attuarle. Tale confronto può allora portare ad evitare la responsabilità (fondamentale nel processo di cambiamento) smorzando il proprio desiderare o sentire, abdicando la scelta, o delegandola ad altri (individui, istituzioni, eventi esterni, ecc.) (Yalom, 2019).

Alvaro Fornasari Psicologo Vigevano Logo
Dott. Alvaro Fornasari Psicologo
Viale dei Mille, 12 - Vigevano
Via Abruzzi 13/a – Vigevano
Telefono: 392 6778413