Disturbo Ossessivo-Compulsivo

All’interno del DSM 5 (Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali) la categoria disturbo ossessivo-compulsivo e disturbi correlati comprende, tra gli altri:

Il Disturbo Ossessivo-Compulsivo (DOC) è caratterizzato da ossessioni e/o compulsioni. Le ossessioni sono pensieri, impulsi o immagini ricorrenti e persistenti che sono vissuti come indesiderati, mentre le compulsioni sono comportamenti o azioni mentali ripetitive che un individuo si sente obbligato a compiere in risposta a un’ossessione o secondo regole che devono essere applicate rigidamente.

Il Disturbo di Dismorfismo Corporeo è caratterizzato dalla preoccupazione per uno o più difetti o imperfezioni percepiti nell’aspetto fisico che non sono osservabili o appaiono solo lievi agli altri, e da comportamenti ripetitivi (guardarsi allo specchio, curarsi eccessivamente del proprio aspetto, stuzzicarsi la pelle, ricercare rassicurazione, ecc.) oppure azioni mentali (confrontare il proprio aspetto fisico con quello degli altri).

Il Disturbo da Accumulo è caratterizzato dalla persistente difficoltà di gettare via o separarsi dai propri averi, a prescindere dal loro valore reale, a seguito di un forte bisogno percepito di conservare gli oggetti e del disagio associato al gettarli via.

La Tricotillomia (strappamento di peli) è caratterizzata dal ricorrente strapparsi capelli o peli, che porta a perdita di capelli o peli e a ripetuti tentativi di ridurre o interrompere lo stuzzicamento.

Disturbo da Escoriazione (stuzzicamento della pelle): è caratterizzato dal ricorrente stuzzicamento della pelle, che porta a lesioni cutanee e a ripetuti tentativi di ridurre o interrompere lo stuzzicamento.

Nelle parole di G.G. Marquez ritroviamo una della caratteristiche distintive delle persone che sviluppano un disturbo ossessivo-compulsivo. Il sistema di simulazione a cui fa riferimento lo scrittore e che regola il rapporto di questi soggetti con sé, gli altri e il mondo, consiste in un insieme di regole, principi, valori che permettono all’individuo di avere delle linee guida che orientino il proprio comportamento e ne anticipino le possibili conseguenze fornendo sicurezza e stabilità.

In altre parole, quelle di Arciero e Bondolfi (2009), l’adesione a un sistema di riferimento esterno e impersonale da ordine al mondo e senso all’esperienza fornendo una percezione di stabilità personale.

Nel momento in cui un evento o più occorrano a scombinare questo ordine, per cui il soggetto non riesce più a far coincidere l’esperienza con il sistema di riferimento, si ritroverà a sperimentare un vissuto di insicurezza, incertezza e incompletezza. In questa frattura emergono e si innestano i sintomi ossessivo-compulsivi nel tentativo di ridurre l’intensità delle sensazioni provate e con lo scopo di ripristinare l’ordine di senso perduto.

Prenota un Consulto a Vigevano

Per chi fosse interessato ad approfondire le tematiche relative al trattamento del disturbo ossessivo compulsivo  con il dott. Alvaro Fornasari, psicologo è possibile chiamare il numero di telefono 392 6778413 oppure mandare una mail all’indirizzo info@psicologovigevano.com per prenotare un primo colloquio psicologico. E’ possibile consultare la pagina dei contatti per avere ulteriori informazioni in merito al sostegno psicologico per le problematiche legate all’ansia.

Pin It on Pinterest